Domusnovas, acqua torbida e non potabile da due settimane: “Calamità naturale”

Da circa due settimane l’acqua che esce dai rubinetti delle abitazioni di Domusnovas è torbida. Vietato l’utilizzo per cucinare, sono presenti le autobotti in paese, e grossi disagi per tutti i residenti

Da circa due settimane l’acqua che esce dai rubinetti delle abitazioni di Domusnovas è torbida. Vietato l’utilizzo per cucinare, sono presenti le autobotti in paese, e grossi disagi per tutti i residenti. Il sindaco del centro del Sulcis Massimiliano Ventura spiega che “ciò che stiamo vivendo e su cui stiamo lavorando senza tralasciare nulla al caso è cercare di capire, anche se non è semplice, visto che parliamo di fenomeni che riguardano il sottosuolo. Per ora parlo di calamità naturale non avendo elementi certi che facciano pensare ad altri fenomeni che si stanno valutando con i professionisti di fiducia del comune. Dal sopralluogo effettuato sabato dallo Speleo club e dal sub che si è immerso dentro le acque di “Su stampu de Pireddu” sono emerse delle novità importanti; dopo aver effettuato le analisi dei campioni prelevati dai tre punti equivalenti al primo, al secondo lago e i due sifoni, le analisi dicono che i valori della torbidità dell’acqua sono dentro la norma; in corrispondenza di ciò si è anche avuto un netto miglioramento dell’acqua che entra all’interno della condotta idrica. Anche oggi vi è stato un miglioramento della torbidità in sorgente.  Sempre in tema acqua si sta chiudendo l’iter per affidare i lavori di ripristino  dei quattro filtri a sabbia dell’impianto di potabilizzazione tutt’ora in  disuso e mai entrato in funzione se non in due o tre circostanze e poi abbandonato. Potabilizzatore che rimane l’unica possibilità per eliminare definitivamente il problema della torbidità dell’acqua per sempre come avvenuto in tutti i comuni della Sardegna”. I costi previsti per i lavori da effettuare ammontano a circa 200 mila euro. Giovedì è in programma uno dei primi sopralluoghi in vari siti del territorio per continuare a capire l’origine del fenomeno e venerdì la Giunta delibererà la nomina  ufficiale dell’avvocato che curerà gli interessi del comune e dei cittadini nelle sedi opportune se questo si renderà necessario dopo i risultati di tutti gli accertamenti. Seguiranno ulteriori comunicazioni dal comune sulla situazione dei parametri che  è monitorata quotidianamente. 


In questo articolo: