Disagi sui bus per gli studenti di Quartu, Stevelli: “Il Ctm intervenga”

“I giovani quartesi” sottolinea Stevelli “lamentano forti limitazioni della mobilità, ritardi, difficoltà e un sistema di mezzi pubblici inefficienti peggiorata dalla pandemia covid19. Sono sicuro che il Ctm da sempre sensibile alle istanze del territorio saprà reagire”

Christian Stevelli, trasporti dedicati agli studenti, “il CTM intervenga sulla situazione di disagio degli studenti di Quartu”.
Interviene il candidato sindaco a Quartu Sant’Elena sulla situazione di difficoltà evidenziata dagli studenti che domani hanno organizzato uno sciopero per denunciare i disagi per raggiungere gli edifici scolastici. “I giovani quartesi” sottolinea Stevelli “lamentano forti limitazioni della mobilità, ritardi, difficoltà e un sistema di mezzi pubblici inefficienti peggiorata dalla pandemia covid19. Sono sicuro che il CTM da sempre sensibile alle istanze del territorio saprà reagire prontamente a sostegno degli studenti e del legittimo diritto alla mobilità. Una città diversa parte anche dall’attenzione che abbiamo per i giovani”.

La replica del Ctm. L’Azienda già dal 22 Settembre, giorno di inizio delle scuole,  sta effettuando monitoraggi e controlli sul servizio scolastico da e verso il Polo Scolastico di Pitz’e Serra, risponde il Presidente di CTM SpA l’ Avv. Roberto Porrà.

Il servizio è stato concordato con i Dirigenti Scolastici per quanto riguarda l’attuale orario di ingresso e di uscita degli studenti e il numero delle corse. E’ stato comunque programmato un altro incontro con i Dirigenti scolastici a metà ottobre per le eventuali modifiche sull’orario definitivo.

Dai rilievi quotidiani effettuati non sono emerse criticità sul servizio, ma CTM è pronta a continuare a verificare e porre correttivi laddove si dovessero presentare difficoltà.


In questo articolo: