Covid, in Sardegna va sempre meglio: in una settimana -33% di nuovi casi

I dati settimanali della fondazione Gimbe: il calo più importante nel sud Sardegna, sotto soglia i ricoveri.

Va sempre meglio, incrociando le dita e nonostante l’inverno sia indubbiamente arrivato. Il covid in Sardegna sembra essere quasi alle corde: nella settimana dal 13 al 19 gennaio si registra un miglioramento dell’incidenza per 100.000 abitanti (80,2) e si evidenzia una diminuzione dei nuovi casi (-33,1%) rispetto alla settimana precedente. Lo rileva la Fondazione Gimbe, nel suo consueto report settimanale. Questo l’elenco dei nuovi casi per 100mila abitanti dell’ultima settimana suddivisi per provincia: Cagliari 124 (- 22,4% rispetto alla settimana precedente), Oristano 94 (- 32,1%), Nuoro 82 (- 38,3%), Sud Sardegna 63 (- 45%), Sassari 46 (- 37,3% rispetto alla settimana precedente). Sotto media nazionale i posti letto in area medica (6,2%) mentre sono sopra media nazionale i posti letto in terapia intensiva (3,4%) occupati da pazienti Covid.

Per quanto riguarda i vaccini, la percentuale di popolazione over 5 anni che non ha ricevuto nessuna dose di vaccino è pari all’11,3% (media Italia 10,8%) a cui aggiungere la popolazione over 5 anni temporaneamente protetta, in quanto guarita da Covid da meno di 180 giorni, pari a 0,7%. La percentuale di popolazione over 5 anni che non ha ricevuto la terza dose di vaccino è pari a 15,2% (media Italia 12,1%) a cui aggiungere la popolazione over 5 anni guarita da meno di 120 giorni, che non può ricevere la terza dose nell’immediato, pari al 2,3%. Il tasso di copertura vaccinale con quarta dose è del 22,1% (media Italia 30,4%); il tasso di copertura vaccinale con quinta dose è del 9,6% (media Italia 13%). La popolazione 5-11 che ha completato il ciclo vaccinale è pari 41,8% (media Italia 35,3%) a cui aggiungere un ulteriore 4,4% (media Italia 3,2%) solo con prima dose.

Il miglioramento nell’andamento della pandemia si registra anche nel resto d’Italia, dove sono in calo sia le terapie intensive che i decessi.


In questo articolo: