Coronavirus, muore un altro emigrato sardo in Lombardia: era nato a Samugheo

Il suo cuore ha cessato di battere in un ospedale di Milano, anche lui aveva contratto il virus. Aveva 70 anni

C’è un altro emigrato sardo vittima del Coronavirus in Lombardia.

Si trovava ricoverato in un ospedale di Milano, il suo cuore ha cessato di battere ieri mattina.

A darne notizia è il sindaco di Samugheo, Antonello Demelas, a poche ore di distanza dalla comunicazione della morte di un’altra compaesana, Maria Rita Loi, stabilita da anni a Bresso: “Ho appreso della morte di un altro Samughese a causa del Covid-19. Stamattina in un ospedale di Milano, dove risiedeva da anni, è deceduto Emilio Arcipiano, 70 anni, aggiungendo dolore al dolore della nostra comunità. Le più sentite condoglianze ai familiari da parte di tutto il paese. Restiamo a casa per evitare che questa strage continui”. 


In questo articolo: