Cellino, vittoria in tribunale: la Cassazione annulla il sequestro dei beni

I giudici hanno annullato il maxi-sequestro da 59 milioni di euro all’imprenditore cagliaritano patron del Brescia Calcio. “Bisogna avere fiducia nella giustizia”, ha dichiarato l’ex presidente rossoblù

Massimo Cellino vince in Cassazione. I giudici hanno annullato il maxi-sequestro da 59 milioni di euro al patron del Brescia Calcio. Annullati i sequestri senza rinvio, rimandato al riesame per una rivalutazione solo il sequestro relativo a 1 milione di euro sul capo relativo alla società inglese. Un enorme passo avanti per il presidente del Brescia rispetto al maxisequestro di 59 milioni dopo le indagini su presunti reati fiscali.

Cancellati i provvedimenti che lo avevano esautorato dalla conduzione del club negli ultimi mesi. Cellino a questo punto torna completamente padrone del club e della sua controllante, Eleonora Immobiliare che era finita sotto amministrazione controllata. La sentenza è stata resa pubblica in serata dopo che nel pomeriggio era stato discusso il ricorso. “Bisogna avere fiducia nella giustizia”, ha commentato.


In questo articolo: