Cagliari, multa da 5mila euro a un fruttivendolo: “A 74 anni sopravvivo così, non voglio tornare in carcere”

Giovanni Soddu si “arrangia” vendendo limoni e arance in via Sant’Alenixedda: “Ho una pensione sociale di 638 euro, 550 se ne vanno con l’affitto. Ho una compagna e dei figli, in passato purtroppo ho fatto anche carcere, adesso voglio solo sopravvivere. In due anni ho preso quattro multe da cinquemila euro”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA. Cosa ne pensate?

https://www.youtube.com/watch?v=b8pUHNGqy8w&feature=youtu.be
Limoni e arance “acquistati all’ingrosso” e rivenduti per strada, senza nessun tipo di autorizzazione. È un venditore abusivo Giovanni Soddu, 74enne cagliaritano ma residente a Assemini. Per sbarcare il lunario vende frutta nel tratto di strada davanti al teatro Lirico: “Prendo una pensione sociale di 638 euro, ma dovendo pagare 550 euro al mese di affitto dovrei campare con ottanta euro. È impossibile, ho una compagna e dei figli, sono l’unico che lavora. Ho sempre commerciato con il pesce, sin dall’età di diciassette anni, al mercato civico. Da due anni mi arrangio così, non mi sono messo in regola perché non danno autorizzazioni per vendere in strada”.
A settantaquattro anni, insomma, si fa quel che si può: “Non ho mai potuto pagare le multe che mi hanno fatto. Quattro da cinquemila euro in due anni, l’ultima volta (circa due settimane fa, ndr) mi hanno anche sequestrato merce per quattrocento euro. Tutti abbiamo bisogno di lavorare, sennò si fa la fame”, afferma Soddu, “in passato ho fatto anche otto anni e mezzo di carcere”. Adesso, quello che vuole, anche se da abusivo, “è vivere tranquillo”.

In questo articolo: