Animali maltrattati a Cagliari: un cane e un gatto salvati dalle guardie eco-zoofile

Un felino portato via per “condizioni di detenzione incompatibili con la natura dell’animale”. Il cane beveva acqua sporca, era legato a una catena cortissima ed era ricoverato in una cuccia non rialzata e senza tettoia


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Due interventi in pochi giorni per le Guardie eco-zoofile Oipa Cagliari: un gatto e un cane in pericolo, il felino è stato sequestrato e il migliore amico dell’uomo, che viveva legato a una catena troppo corta e aveva poco cibo e acqua sporca a disposizione, ora avrà le necessità di base assicurate. Instancabili per il bene degli animali, mai si sottraggono al loro impegno per la tutela del loro benessere, una prassi che dovrebbe essere scontata ma che, purtroppo, non è così. Tanti, troppi i casi di animali maltrattati e tenuti dai proprietari senza alcun criterio ed è così che, grazie all’intervento delle guardie, gattini e cagnolini, come in questi ultimi due casi, possono vivere una esistenza migliore e dignitosa. “Durante un controllo nella provincia di Cagliari abbiamo sequestrato questo gatto e denunciato il proprietario alla Autorità Giudiziaria per il reato di Abbandono e detenzione incompatibile con la natura dell’animale e  produttiva di gravi sofferenze ex art.727 comma 1 e 2  del codice penale” hanno spiegato gli operatori due giorni fa. Salvato e portato via dalle condizioni estreme in cui viveva, ora il felino è al sicuro. Per il cane, invece, è stata riscontrata la violazione dell’art. 727 comma 2 c.p. “acqua sporca, catena non in linea con la normativa vigente, cuccia senza ripiano sollevato dal suolo e senza ulteriore tettoia sovrastante la cuccia, scarsità di cibo, in questo specifico caso il proprietario si è dimostrato collaborativo e ha sistemato la criticità nell’ immediatezza del controllo. Abbiamo redatto solo un verbale con prescrizioni a lungo termine”.

 

Ignoranza e cattiveria sono le principali cause del malessere animale posto in essere dall’uomo senza cuore nemmeno nei confronti dei più indifesi, compresi gli animali.


In questo articolo: