“Nelle seconde case di Villasimius i turisti dal Nord Italia grazie allo smart working”

A Radio CASTEDDU Michela Casula, proprietaria di un negozio di ortofrutta in via Mazzini: “Chi ha la seconda casa, comunque, a Villasimius e ha la possibilità di lavorare in Smart Working, ha deciso di restare qua anche per il periodo invernale ma sono veramente pochi rispetto alla media”

Villasimius – Presenza di turisti in città, i proprietari delle seconde case, che hanno la possibilità di lavorare in Smart Working preferiscono trascorrere anche la stagione invernale in Sardegna.
A Radio CASTEDDU interviene Michela Casula, proprietaria di un negozio di ortofrutta nella centralissima via Mazzini: “Non ci sono contagi, la situazione da noi è sotto controllo; è una situazione comunque difficile perché da febbraio iniziavano ad arrivare i turisti, però con queste restrizioni assolutamente no. Chi ha la seconda casa, comunque, a Villasimius e ha la possibilità di lavorare in Smart Working, ha deciso di restare qua anche per il periodo invernale ma sono veramente pochi rispetto alla media”.
Risentite qui l’intervista a Michela Casula di Paolo Rapeanu e Gigi Garau
e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU


In questo articolo: