A Pula nasce il Museo degli Strumenti Popolari Sardi

Sarà inaugurato domenica 6 settembre alle ore 19.30, presso il Centro Culturale Casa Frau (Piazza del Popolo), il primo museo interattivo interamente dedicato agli strumenti musicali della tradizione sarda

Il Museo avrà la fortuna di custodire centinaia di strumenti appartenenti alla collezione di Orlando Mascia, noto polistrumentista e costruttore di Maracalagonis. Una collezione che conta oltre 150 manufatti appartenenti a 77 diverse tipologie strumentali rappresentative dell’intero territorio regionale. Punto di forza del MuSPoS è il connubio tra gli antichi saperi degli artigiani costruttori di strumenti e le nuove tecnologie.

Oltre a poter osservare i pregiati manufatti esposti nelle teche, tramite una innovativa installazione multimediale-interattiva, i visitatori potranno accedere a informazioni riguardanti la storia, gli usi e le caratteristiche organologiche dei singoli strumenti, oltre a poterli vedere e ascoltare nelle esecuzioni effettuate da Orlando Mascia e da altri noti strumentisti.

Il MuSPos, nato dalla sinergia tra l’Associazione Culturale di Maracalagonis Ballu Tundu e il Comune di Pula, “ha lo scopo” afferma la Sindaca Carla Medau “di valorizzare, in modo tangibile, l’inestimabile patrimonio musicale sardo, diventando veicolo di formazione, educazione e sperimentazione musicale nonché luogo di custodia delle più autentiche tradizioni sarde”.

La realizzazione del MuSPoS è stata possibile grazie al contributo concesso dalla R.A.S., Assessorato alla Pubblica Istruzione, Direzione Generale dei Beni Culturali.


In questo articolo: