Quartu, il candidato sindaco Francesco Pandolfi: “Stipendi ridotti alla Giunta e a Natale devoluti ai cittadini”

Quartu Sant’Elena, elezioni amministrative, il candidato a sindaco Francesco Pandolfi si presenta con la lista “Quartu da Salvare”: stipendio del sindaco, assessori e consiglieri ridotto per tutta la legislatura, a Natale completamente devoluto ai cittadini e “creare una Quartu che offre opportunità di lavoro per tutti ridando la dignità alle persone e renderla una città bella da vivere e da vedere”

Quartu Sant’Elena, elezioni amministrative, il candidato a sindaco Francesco Pandolfi si presenta con la lista “Quartu da Salvare”: stipendio del sindaco, assessori e consiglieri ridotto per tutta la legislatura, a Natale completamente devoluto ai cittadini e “creare una Quartu che offre opportunità di lavoro per tutti ridando la dignità alle persone e renderla una città bella da vivere e da vedere” sarà uno degli obiettivi principali del movimento.
La Coalizione Civica “ Quartu da Salvare” composta da sette Liste Civiche con oltre 150 candidati ha deciso di ottimizzare il lavoro elettorale sviluppato nell’arco dei tre anni, attraverso l’ascolto, il dialogo e la presenza in tutto il territorio quartese. Dopo aver ottenuto l’appoggio di due Liste Civiche di Flumini, e dopo il lockdown aver fatto una campagna elettorale tra la gente con lo slogan” il coraggio di cambiare”, “abbiamo preso consapevolezza del fatto che sempre più cittadini erano intenzionati ad aiutarci e sempre più persone sostenevano il Progetto – spiega il gruppo – Il nostro candidato sindaco Pandolfi ha dialogato con ognuno di loro ed ha potuto appurare il loro disinteresse alla poltrona, da qui ha potuto constatare che la volontà di tutti era il bene della Città, ciò ha dato libera scelta al  candidato sindaco di scegliere appunto, rappresentanti di ogni Lista, facendo si che il percorso del progetto rimanesse immutato. Ci presenteremo con la Lista di 27 candidati che è “Quartu da Salvare”. Le persone presenti in lista quindi sono quelle che rappresentano le sette Liste Civiche, “persone con competenze, esperienze, professionalità e persone comuni. Abbiamo deciso fin dall’inizio di optare per una campagna elettorale diversa, ma ancor di piu’ per una politica diversa, dimostrando di saper ottimizzare le risorse economiche. Abbiamo preso le sottoscrizioni presso il Palazzo di Via Eligio Porcu, abbiamo tagliato tutte quelle spese inutili a parer nostro che sempre vengono effettuate, come la Sede Elettorale e le spese di autenticazione. Ottimizzare le risorse sarà un punto cardine della nuova visione amministrativa che Quartu da Salvare ha annunciato da tempo. Il programma ha un’impronta turistica e toccherà tutti i settori e aree di intervento, siamo prima di tutto accanto a tutte quelle minoranze che sempre si sentono dire cambierà. Siamo dalla parte di chi è giovane e ha bisogno di sentirsi dire cambierà,siamo dalla parte di chi è anziano e ha visto tanto e non è mai cambiato nulla. Non abbiamo promesso nulla se non di essere diversi, già abbiamo dimostrato qualcosa con la raccolta delle sottoscrizioni,la coerenza di non avere politici nella lista, il nostro programma è diverso ma ricco di progetti come “Il Cammino dei sette fratelli”che creerà una sinergia fra le amministrazioni del Parco, le strutture di ospitalità, accoglienza, ristorazione  e il settore tecnologico che sempre più è presente nelle nostre vite, che avrà il compito di testimoniare e pubblicizzare il territorio. Il nostro progetto tocca tantissimi punti ma due saranno di fondamentale importanza: creare una Quartu che offre opportunità di lavoro per tutti ridando la dignità alle persone e renderla una città bella da vivere e da vedere. Dovevamo dare una risposta forte alla cittadinanza della nostra presenza in capo ma soprattutto per abbattere il muro della diffidenza. Ecco perché abbiamo deciso di tagliare gli stipendi del sindaco, assessori e consiglieri per tutta la legislatura. La Rinascita di Quartu inizierà con il Natale dell’amministrazione Quartu da Salvare, dove il Sindaco, Assessori e Consiglieri doneranno il loro intero stipendio alla comunità”.

In questo articolo: