Omicidio a Villacidro, droga a casa della vittima

Nel corso della perquisizione nell’abitazione di Antonio Mocci sono stati trovati 140 grammi di marijuana e duemila euro in contanti.

C’era della droga nell’abitazione di Antonio Mocci, il 26enne di Villacidro, ucciso una settimana fa dentro la sua abitazione. L’uomo accusato del delitto è in carcere, si tratta del compaesano Stefano Corona, di 24 anni.

Nel corso della perquisizione effettuata ieri dai carabinieri del Nucleo investigativo provinciale sono stati trovati, nascosti in luoghi differenti, dalla camera da letto al soggiorno, 140 grammi di marijuana, una bilancina di precisione e duemila euro in contanti.

Intanto Corona ha negato ogni responsabilità nel corso dell’udienza di convalida dell’arresto. “Non sono stato io a uccidere Antonio Mocci – ha affermato – è vero ero nella sua abitazione nel dopo pranzo di venerdì e ci ho anche litigato, ma quando sono andato via era vivo”.


In questo articolo: