Lotta per i diritti umani, protesta degli studenti a Guspini: una ciocca di capelli da spedire all’Iran

Una ciocca di capelli come simbolo di vicinanza e lotta contro la repressione dei diritti umani: i giovani studenti dell’Istituto “Michelangelo Buonarroti” questa mattina alle 10 si taglieranno un ciuffo che invieranno all’ambasciata italiana in Iran

Guspini – Una ciocca di capelli come simbolo di vicinanza e lotta contro la repressione dei diritti umani: i giovani studenti dell’Istituto “Michelangelo Buonarroti” questa mattina alle 10 si taglieranno un ciuffo che invieranno all’ambasciata italiana in Iran.

Stanno facendo il giro del mondo le immagini che giungono dal Paese del Medio Oriente dove crudeltà e morte sono pressoché all’ordine del giorno: anche i più giovani cittadini sono in prima linea per protestare contro chi nega i fondamentali diritti di libertà e, purtroppo, sanno bene che, per questa lotta, il loro destino potrebbe essere segnato irrimediabilmente.

Torture e morti inaccettabili che segnano la sensibilità di tutti, che fanno capire quanta inerzia e impotenza si ha innanzi a questi terribili fatti, ancor più inaccettabili la giorno d’oggi.

Ed è per questo che l’istituto superiore guspinese, con altra sede a Serramanna, “è a fianco delle donne e degli uomini che in Iran stanno protestando coraggiosamente contro la violazione dei diritti umani fondamentali.

I giovani, inclusi i minorenni, stanno subendo una repressione violenta, che investe e colpisce anche gli studenti che solidarizzano con i manifestanti.

Uomini e donne, molti dei quali universitari e allievi delle scuole superiori, come lo siamo noi, scendono nelle strade e nelle piazze per rivendicare il diritto al rispetto delle libertà fondamentali dell’uomo” comunica la scuola.

“Dopo l’adesione al messaggio di Papa Francesco che chiede rispetto e dignità, l’Istituto si unisce alle tante voci che si sollevano in Italia e in altri Paesi del mondo per supportare le proteste e per condannare l’oppressione delle donne iraniane.

Nella giornata di oggi alle ore 10, nella nostra sede di Guspini, in Via Velio Spano 7, gli studenti dell’Istituto Tecnico si taglieranno una ciocca di capelli in segno di protesta contro le vessazioni e le violazioni dei diritti fondamentali che le donne iraniane sono costrette a subire, ma anche contro le torture e la pena di morte che attentano all’inviolabilità e alla dignità della persona.

Tutte queste ciocche verranno poi inviate tramite posta all’ambasciata dell’Iran in Italia, accompagnate da alcuni messaggi degli alunni sul rispetto della vita umana e sulla pari dignità tra uomo e donna”.


In questo articolo: