Jerzu, a dieci minuti dal mare e a cinque minuti dai Tacchi: benvenuti nel paradiso del Free Climbling

RACCONTA LA SARDEGNA PIU’ BELLA- Jerzu è la città della cultura e dell’accoglienza, del Vino Cannonau, dei Sapori, del Folklore e del Teatro. Il reportage di Manuela Melis con le foto di Renato D’Ascanio

Jerzu è la città della cultura e dell’accoglienza, del Vino Cannonau, dei Sapori, del Folklore e del Teatro.
Jerzu è un comune ogliastrino che conta poco più di 3000 abitanti, è denominata “città del vino” tanto che la sua cantina sociale è tappa d’obbligo della tua visita. Durante la “sagra del vino” e “calici di stelle”, 2 appuntamenti del mese di agosto, si degustano vino e piatti tipici locali. Jerzu è anche “borgo dei tacchi” e di panorami mozzafiato,  con rilievi ideali per il free climbing e sentieri di trekking. Infine Jerzu è anche “città del Teatro” grazie al Festival Ogliastra Teatro.
L’area dove sorge l’attuale centro abitato era frequentata fin dal periodo nuragico: diverse testimonianze si ritrovano soprattutto in località S’Omu ‘e s’orcu, dove, sulle pendici della montagna, in posizione difensiva e strategica, sorge l’omonimo nuraghe. Testimonianze di insediamenti nuragici si ritrovano inoltre sulla cima del Monte Corongiu, il tacco più alto dell’attuale territorio di Jerzu.
Manuela Melis
Foto: Renato D’Ascanio


In questo articolo: