Carmen Salis, la scrittrice poetessa di Capoterra trionfa ad Arezzo

Prestigioso successo in Toscana nel concorso letterario “Donne tra ricordi e futuro 2013”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

 Trasferta vincente per la scrittrice capoterrese Carmen Salis ad Arezzo, dove pochi giorni fa le è stato consegnato il primo premio, nella sezione poesia, per il concorso letterario “Donne tra ricordi e futuro 2013”. La rassegna, promossa dal comune di Pratovecchio e dall’associazione culturale “Scrivi la tua storia”, comprendeva fra i giurati Lorena Fiorini, scrittrice, e un comitato d’onore composto da docenti universitari, collaboratori Rai, produttori televisivi, editori e giornalisti.

La Salis, originaria del quartiere cagliaritano di Castello, è scrittrice di narrativa e poesia, giornalista pubblicista e da poco anche editrice. Ha avviato infatti il progetto “AmicoLibro”, assieme ad un altro autore pugliese, Giuseppe Bellone, e un amico di vecchia data, Roberto Sanna, di Capoterra, che presto vedrà i suoi primi titoli approdare in libreria. Un trio che fa della promozione della cultura il proprio stile di vita. Un’iniziativa coraggiosa e ammirevole, soprattutto di questi tempi in cui i messaggi che passano alla televisione, dalle pubblicità ai reality, con la cultura non hanno niente a che vedere.

 

Con quale opera hai partecipato al concorso?

 

Il titolo della mia poesia è “Di vita e di alzheimer”.

 

È il primo concorso a cui hai partecipato? Ti aspettavi di vincere?

 

Non era il primo, ma partecipo raramente ai concorsi letterari. Invio le mie opere solo se il bando mi interessa veramente. Non mi aspettavo di vincere, e quando hanno annunciato il mio nome è stata davvero una bella emozione. Ma lo sarebbe stata anche senza il primo premio; ciò che mi piace veramente è mettermi in gioco, nell’arte così come nella vita.

 

Perché hai scelto di parlare di un argomento così delicato?

 

Io scrivo sempre di quello che sento e vedo. La poesia è dedicata alla madre di una mia carissima amica, che purtroppo è affetta da questa terribile malattia.

 

Quali sono i tuoi progetti futuri?

 

Emozionarmi con i miei scritti e dare voce alle emozioni degli altri. La casa editrice AmicoLibro punta proprio a questo: realizzare i sogni di chi merita l’attenzione del pubblico e dei lettori. Con Roberto e Giuseppe abbiamo appena iniziato, ma puntiamo ad arrivare in alto.

 

Lorenzo Scano 


In questo articolo: