Villaspeciosa, l’ira del sindaco: “Basta birrette con amici e colleghi, non siete supereroi”

Il sindaco Gianluca Melis lancia un appello in vista di Pasqua e Pasquetta e “sgrida” i furbetti: “Ho foto di persone che si incontrano per bersi una birretta, basta anche con la scusa del pieno di benzina per andare sino a Uta: state a casa”

Tutti a casa sino al tre maggio prossimo, col Coronavirus c’è poco da scherzare, in ballo c’è la salute. E, a una manciata di ore da Pasqua e Pasquetta, si moltiplicano gli appelli dei sindaci sardi a comportarsi con logica e buon senso. Gianluca Melis, primo cittadino di Villaspeciosa, scrive un post sul suo profilo ufficiale di Facebook lanciando un nuovo sos a chi, nonostante la situazione di emergenza, continua a fare spallucce: “Siamo ormai arrivati al weekend pasquale.
Quello che vi chiedo, lo chiedo a gran voce, è di uscire solo per motivi eccezionali, vi chiedo di rispettare le regole se doveste aver necessità di comprare alimentari, farmaci o carne. Vi chiedo di evitare il via vai verso Uta, non accampate la scusa benzina, perché le persone che mi sono state segnalate non sono neanche passate al distributore, capisco che possano esserci dei risparmi ma in questo momento è preferibile e auspicabile non farlo”, spiega il sindaco.

“Ho avuto notizia di in intensificazione dei controlli da parte dei Carabinieri, ho dato ordine di servizio anche alla nostra Polizia Locale, effettueranno dei posti di blocco in tutta la giornata odierna (rischio 516 euro di verbale). Vi chiedo di predicare bene e razzolare bene, di evitare incontri tra amici, conoscenti, parenti. Ho già la memoria del telefono piena di foto di persone che senza motivo si recano a casa di conoscenti o amici o colleghi a bere la birretta per passarci il tempo, passatelo a casa vostra con i vostri cari, è meglio non solo per la vostra salute ma per la salute di tutti, mi riferisco anche a chi più di altri dovrebbe dare l’esempio; ricordatevi che il virus è dietro l’angolo e potrebbe attaccare anche i super eroi.n Cerchiamo di essere collaborativi, cerchiamo di arrivare al 2 maggio in sicurezza per poi poter ripartire alla grande”.
Grazie per l’attenzione e la condivisione.


In questo articolo: