Vandali, petardi e alcoolici a gogò: porte chiuse al parco dell’ex Vetreria di Pirri

Cagliari, guerra dell’amministrazione ai cafoni nella corte del parco: spazzatura, grida, traffico di auto e scooter e consumo smodato di alcolici. Il Comune limita gli accessi alla grande area verde pirrese

Consumo di alcolici, vandalismo e spazzatura. E anche petardi. Tutto nella corte interna del parco dell’’ex Vetreria. Così il Comune ha deciso di limitare l’accesso al parco.

Il caso è stato discusso in consiglio comunale nell’ultima seduta. In un’interrogazione Aurelio Lai, del gruppo Autonomisti per Lussu, ha sottolineato di “diverse segnalazioni sul fatto che i cancelli d’accesso posti sul lato di via Italia sono frequentemente chiusi e non è presente alcun cartellone che informi i cittadini sull’orario di apertura e chiusura dei cancelli. La chiusura del parco dell’ex Vetreria”, ha sottolineato Lai, “è una scelta che va a ledere i cittadini impossibilitati a usufruire di un bene pubblico presente in città”.

Paolo Frau, assessore al Verde pubblico, nella risposta ha puntato l’indice contro i vandali che frequentano la corte interna: prima i ragazzini maleducati poi gli adulti che hanno aggravato la situazione. L’esponente della giunta ha parlato di “cospicuo uso alcolici” (due ragazze avrebbero accusato anche dei malori), di spazzatura di giovani che entrano nella corte con auto e scooter e che hanno scoppiato dei petardi. A nulla sono serviti i richiami ad un comportamento adeguato. Da qui la decisione di limitare l’accesso al parco.