Vaccini, Cani: “Inaccettabile che le persone fragili non possano ancora accedervi”

Il segretario regionale del Pd  Emanuele Cani a Radio CASTEDDU: “È abbastanza incomprensibile, inammissibile e inaccettabile quanto si sta verificando in Sardegna relativamente alle persone fragili che non possono ancora accedere alla vaccinazione”.

Il segretario regionale del Pd  Emanuele Cani a Radio CASTEDDU: “È abbastanza incomprensibile, inammissibile e inaccettabile quanto si sta verificando in Sardegna relativamente alle persone fragili che non possono ancora accedere alla vaccinazione. A quelli che sono i dati forniti a livello nazionale, noi abbiamo un deficit negativo certificato per il fatto che siamo, che continuiamo a essere, la regione fanalino di coda per quanto riguarda il numero dei vaccini fatti. Ovviamente a questo macro problema che riguarda tutta la popolazione in generale, si aggiunge questa serissima criticità per le categorie fragili che sono esposte e, purtroppo, questa pandemia, c’è una casistica molto evidente, colpisce questa categoria che è molto esposta proprio a causa della fragilità per patologie gravi.  Noi stiamo chiedendo a tutti i livelli e non riusciamo ad avere risposte su pazienti di questo tipo che richiedono qualche attenzione in più. Non siamo a conoscenza della ragione esatta perché non hanno ancora iniziato il piano vaccinale, è un’incognita: noi non riusciamo a comprendere le ragioni e su questo siamo ovviamente preoccupati. 
Adesso la nostra attività sarà sempre di più intensa e pressante nei confronti della regione e dell’Ats perché in tempi rapidi vengano date risposte. Non possiamo arrivare a situazioni assurde e paradossali come quella che sta vivendo Cordeddu, che sta conducendo una battaglia importante mettendo a repentaglio, ulteriormente, la propria salute per denunciare un fatto su cui invece avrebbe dovuto trovare accoglimento, soddisfazione già parecchio tempo fa”.
Risentite qui l’intervista a Emanuele Cani
e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU


In questo articolo: