Ufo in Sardegna, doppietta di avvistamenti: “Uno a forma di sigaro nel cielo del Poetto, l’altro a Senorbì”

Un avvistamento a Senorbì e un altro in direzione del Margine Rosso, il centro ufologico sardo pubblica video e foto: “Nuove segnalazioni, anche da automobilisti che viaggiano vicino a Monastir e San Sperate: luci bianche e un oggetto volante con luci verdi e azzurre”

Il ritmo è quello di una segnalazione al giorno: “Uno in Sardegna, una testimonianza da Serdiana e una dal Poetto, a Cagliari”. A renderlo noto è il centro ufologico, diretto in Sardegna da Antonio Maria Cuccu. C’è un video, che risale a ieri: “Verso le 12:30, una donna che si trovava al Poetto, a Cagliari, guardando in direzione del Margine Rosso ha visto, in lontananza, uno strano velivolo a forma di sigaro. Data la distanza non riusciva a vederne bene i dettagli e nel dubbio”, e l’ufologo ha deciso di rendere pubblico il filmato ricevuto, anche per ottenere, eventualmente, testimonianze simili. Ma è soprattutto nelle campagne del Cagliaritano che continuano gli avvistamenti di oggetti luminosi.
“Tutti descrivono le stesse caratteristiche, ma finalmente abbiamo un documento fotografico che avvalora le numerose segnalazioni ricevute i giorni scorsi. Il 4 marzo, alle 20 a Serdiana, un uomo si è affacciato alla finestra perché ha udito un forte rumore, simile a quello emesso da un elicottero e ha visto, in direzione di Ussana, una luce circolare di colore verde seguita da due luci bianche. La prontezza d’animo gli ha consentito di scattare una foto, che pubblichiamo. – É un documento importante che ci consente di notare cosa è stato osservato le sere scorse, in quell’area geografica del Campidano di Cagliari, ora dobbiamo capire se si tratta di un qualcosa di convenzionale o ha una natura non identificata”, dice Cuccu. “Sono già tre giorni di inizio marzo che si ricevono segnalazioni da automobilisti in transito nelle vicinanze di Monastir e da San Sperate, di luci bianche e un oggetto volante con luci verde azzurre, ora abbiamo la prova oggettiva di quanto é stato descritto dai testimoni oculari”.


In questo articolo: