Turisti “selvaggi” in Sardegna tra campeggi e barbecue in spiaggia: raffica di multe

I “cafoni” delle vacanze nuovamente protagonisti, decine multati dai carabinieri nel “paradiso” del parco nazionale della Maddalena: “Minacciano la biodiversità dell’isola”

Stop ai campeggiatori abusivi a La Maddalena, in Sardegna. Sono quasi cinquanta le multe staccate tra luglio ed agosto dai Carabinieri Forestale del Posto Fisso Forestale di Caprera ai vacanzieri che campeggiano al di fuori delle tre aree attrezzate a disposizione nel Parco Nazionale dell’Arcipelago della Maddalena. La vigilanza continua e il controllo del territorio è particolarmente necessario nel periodo estivo quando le spiagge si riempiono di turisti in cerca di relax e i campeggiatori si appropriano di aree parcheggio come quelle nei pressi delle spiagge di due mari, di Cala Andreani e di Punta Rossa a Caprera. La fragile e preziosa biodiversità dell’isola è però minacciata dal turismo “selvaggio” che non segue le regole e dal potenziale pericolo di incendi.

 

Nella serata di ieri un gruppo di amici sono stati colti nell’intento di accendere un fuoco per preparare un barbecue e sono stati sanzionati. I carabinieri forestale preannunciano un’attività di controllo ancora più intensa per il ponte di ferragosto per scongiurare qualsiasi pericolo in danno all’ambiente.