Truzzu: “Wrestling in piazza Yenne, ma a Cagliari è stato un weekend sereno”

Niente malamovida. “Grazie ad una importante presenza delle forze dell’ordine e della polizia locale, a parte qualche episodio di wrestling in piazza Yenne, a Cagliari questo fine settimana è andato tutto bene”, dichiara il sindaco, “alcuni operatori sono stati sanzionati e le loro attività rimarranno chiuse per una settimana o 10 giorni”.

“Grazie ad una importante presenza delle forze dell’ordine e della polizia locale, a parte qualche episodio di wrestling in piazza Yenne è andato tutto bene. Il problema c’è in tutte le città d’Italia”. Così il primo cittadino Paolo Truzzu sull’ultimo fine settimana. C’era un po’ di tensione perché 7 giorni fa migliaia di giovani avevano disturbato la quiete pubblica al bastione di Saint Remy e nelle viuzze della Marina creando pericolosi assembramenti. I residenti della Marina si ritengono ancora insoddisfatti, per il primo cittadino la situazione è migliorata. Alcuni operatori sono stati sanzionati e le loro attività rimarranno chiuse per una settimana o 10 giorni.
Sulla rissa di pizza Yenne è intervenuto Roberto Mura, capogruppo Psd’Az in consiglio comunale: “Chiediamo maggiori controlli e risorse per affrontare la crisi educativa.
I fatti che vedono come protagonisti alcuni nostri giovani concittadini esigono risposte chiare e incisive. Tutti chiediamo maggiori controlli e presenza delle istituzioni ma siamo certi che la vera motivazione sia un vuoto educativo. Non possiamo restare spettatori davanti a questa emergenza sociale. Occorrono risorse imponenti e strutturali per la scuola e per sostenere le famiglie nel compito educativo”.


In questo articolo: