Trovati in possesso di cacciaviti e coltelli, due arresti tra Quartu e Solanas

Gli Agenti del Commissariato di Quartu Sant’Elena hanno arrestato due persone in due distinte operazioni, tra Quartu e Solanas.

Gli Agenti del Commissariato di Quartu Sant’Elena hanno arrestato due persone in due distinte operazioni.

La giornata di ieri è stata particolarmente impegnativa per gli Agenti del Commissariato di PS di Quartu Sant’Elena perché in due distinti servizi hanno portato termine una attività di polizia giudiziaria conclusasi con due arresti.

Il primo episodio ha avuto origine la notte scorsa quando l’equipaggio della Volante nel transitare in via Angioi ha notato due uomini intenti a nascondersi dietro un cartello pubblicitario con il mero intento di sottrarsi alla vista.

Gli Agenti hanno deciso di fermarli per procedere ad un controllo. Sin dal primo momento uno dei due, un 23enne con precedenti di polizia sottoposto alla misura della libertà vigilata, ha mostrato chiari segni di nervosismo soprattutto quando gli stessi poliziotti lo hanno trovato in possesso di un cacciavite. A questo punto il ragazzo ha aggredito i due operatori, prima verbalmente e poi fisicamente procurando una violenta colluttazione. Con non poca fatica il ragazzo è stato immobilizzato e messo in condizione di non nuocere all’interno dell’abitacolo dell’auto di servizio.

Accompagnato negli uffici del Commissariato è stato tratto in arresto per resistenza, minacce e lesioni a P.U. nonché di danneggiamento aggravato e violazione della libertà vigilata.

Il secondo episodio ha avuto il suo epilogo nella giornata di ieri. Tutto ha avuto origini lo scorso 10 settembre quando un 48enne era stato denunciato, sempre dagli stessi Agenti, per porto di armi od oggetti atti ad offendere e violazione dei provvedimenti di allentamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento alla persona offesa. L’uomo era stato fermato dai poliziotti mentre cercava di entrare in un bar di Solanas (luogo a lui vietato) cercando la moglie, ma il preventivo intervento degli Agenti ha scongiurato conseguenze ben più gravi, infatti era stato fermato fuori dal bar con un coltello a serramanico posto sopra il cruscotto dell’auto. Il 48enne era già gravato da un provvedimento cautelare di allontanamento dalla casa familiare e dal divieto di avvicinamento verso la ex moglie. Nella tarda serata della stessa giornata gli Agenti hanno operato un secondo intervento perché era l’uomo era stato segnalato armato di un fucile mentre si aggirava per le vie di Solanas.

L’arresto è quindi maturato con la richiesta della misura cautelare in carcere perché dopo i fatti del 10 settembre l’uomo ha continuato nella sua condotta violenta ed in virtù della pericolosità è stata chiesta e ottenuta dall’A.G. un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare a cui gli Agenti hanno dato esecuzione nella giornata di ieri. L’uomo ora è detenuto nel carcere di Uta.


In questo articolo: