Tenta la rapina con un fucile a canne mozze: nel mirino la gioielleria

Il malvivente è stato messo in fuga dalle urla di una dipendente. Si cercano elementi nelle immagini delle telecamere.

Un fucile a canne mozze, il volto scoperto e tono minaccioso. Ha fatto irruzione all’interno della gioielleria di via Redipuglia intimando ai titolari e ad un’impiegata di consegnare l’incasso di tutta la giornata, ma il suo piano è andato in fumo: la dipendente si è infattis entita male, sotto choc ha accusato un malore ed è svenuta.

Il malvivente ha così fatto dietrofron, dandosela a gambe levate. Un colpo non andato a buon fine per l’uomo, adesso ricercato dalla polizia che esaminerà le immagini del circuito di telesorveglianza. Nell’attività commerciale, infatti, il filmato potrebbe svelare l’identità del rapinatore