Tende in viaggio verso la scuola di via Stoccolma a Cagliari: lunedì scatta la protesta dei genitori

Spianata e ripulita l’area che ospiterà una decina di tendoni attrezzati della protezione civile, le rassicurazioni di Paolo Brucciani: “Piena sicurezza, già arrivati banchi e sedie”. Famiglie divise tra chi si vuole accontentare della sistemazione temporanea per 200 bambini e chi vuole cambiare direttamente istituto. VIDEO


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Le dieci tende della protezione civile saranno issate nel weekend nel campetto da calcio con accanto la pista di atletica, all’esterno della scuola di via Stoccolma a Cagliari. Duecento bambini da lunedì faranno lezione ben distanti dalle aule pericolanti che il Comune, con un ritardo molto grave, non ha ancora fatto mettere in sicurezza. A proposito di sicurezza, il responsabile del settore, Paolo Brucciani, rassicura le famiglie: “Non c’è nulla di cui temere. Sedie e banchi sono già arrivati, i bagni saranno quelli della parte di scuola che ospita le secondarie e ci saranno le passerelle, oltre a tutti i comfort previsti come aria fredda e calda e spazi ampi”. Ma le famiglie sono divise: una parte dei genitori alla fine ha accettato che il proprio figlio o figlia faccia lezione per i prossimi mesi dentro una tenda.

Un’altra parte, invece, no. E, come ha raccontato nelle ultime ore alla nostra redazione più di un papà e di una mamma, lunedì c’è chi per protesta non manderà i figli in via Stoccolma e chi starebbe ancora valutando, sfruttando anche il fine settimana alle porte, la possibilità di chiedere e ottenere ufficialmente il nullaosta per trasferire il proprio bambino o bambina in altri istituti. Ma la verità si conoscerà solo lunedì: a Genneruxi sembra prospettarsi un’alba abbastanza infuocata.