Sul sito d’annunci la sua attrezzatura da sub rubata: era in vendita

Un imprenditore di Selargius ha fatto l’amara scoperta navigando su Internet. Ha così contattato i venditori e si è finto potenziale cliente, presentandosi all’appuntamento coi carabinieri.

La sorpresa è arrivata davanti ai suoi occhi navigando su Internet, e cliccando sul sito di annuci “Subito”, per la precisione. E’ stato tra le inserzioni del noto spazio sul Web che un imprenditore di Selargius ha trovato attrezzatura da sub che, a primo impatto, gli era sembrata molto interessante.

Un vero e proprio affare in base al prezzo e alla qualità che ben conosceva, in quanto esperto del settore: la merce valeva almeno seimila euro ma veniva venduta per meno di mille. Peccato che quella muta, quelle maschere e quelle bombole fossero proprio le sue. Tutto il materiale gli era stato rubato un anno prima. Ha così trovato il modo per fare finire in trappola chi se ne era impossessato: ha contattato i venditori per acquistare tutto, ma al momento delle consegna si è presentato con i carabinieri.

Due persone, un 33enne di Elmas e un trentenne di Sestu, sono state denunciate per ricettazione: i due, infatti, a settembre avevano fatto irruzione nell’appartamento dell’imprenditore e avevano passato al setaccio armadi e scaffali, fino a trovare l’attrezzatura che avrebbero voluto piazzare nel mercato nero. Con quell’annuncio avrebbero “incassato” 600 euro puliti puliti.

Ad incastrarli, quindi, l’appuntamento fissato con la vittima in viale Bonaria, dove sono scattate le denunce dei carabinieri di Villanova. I carabinieri hanno anche recuperato altra refurtiva, avviando le indagini nel tentativo di identificare i proprietari.