Sinnai dice addio all’ex sindaco Paolo Tronci: ha guidato la città per 15 anni

È morto a 71 anni, stava male da tempo. Sindaco dal 1979 al 1993, comunista, funzionario del Banco di Sardegna per decenni. Lascia moglie e tre figli, il loro ricordo commosso: “Le tue orme continueranno a indicarci le strade da seguire”.

Sinnai in lutto per la scomparsa, a 71 anni, di Paolo Tronci. Per quindici anni, dal 1979 al 1993, è stato sindaco del paese. Fede politica comunista, per decenni ha lavorato come funzionario al Banco di Sardegna e ha scritto anche un libro, dedicato interamente alla sua lunga esperienza da primo cittadino sinnaese, dal titolo “Una vita da sindaco, aneddoti di una esperienza umana”. Malato da tempo, era stato ricoverato per mesi all’ospedale prima di tornare dai suoi cari. Nelle ultime settimane un nuovo peggioramento, il suo cuore si è fermato ieri sera, nella sua abitazione. Lascia moglie e tre figli. Sono già tantissimi i messaggi di cordoglio per un politico che ha avuto il non facile compito di guidare per tre lustri quella Sinnai ancora piccola realtà di provincia, prima del boom degli anni Duemila. Il gruppo consiliare di Sinnai Libera scrive su Facebook: “Onorati di averlo conosciuto, Paolo Tronci ci ha lasciati. Alla famiglia il nostro abbraccio fraterno”. 
Commovente il messaggio spedito dai tre figli di Paolo Tronci alla nostra redazione, in sardo e in italiano: “In sa vida non contada su passu chi faisi ma sarrastu chi lassas”, “nella vita non conta il passo che fai ma le orme che lasci”. E per loro, papà Paolo, continuerà ad essere fonte di ispirazione: “Le tue orme ci indicheranno la via da seguire, sarai sempre fonte d’ispirazione per tutti noi”.


In questo articolo: