Si cerca il corpo di Francesca Deidda a San Sperate, il sospetto di una relazione extraconiugale di Igor dietro l’omicidio

Nelle prossime ore sarà organizzata un’ampia battuta in cui saranno coinvolti i cacciatori di Sardegna, i militari della compagnia di Iglesias, i colleghi del nucleo investigativo del comando provinciale di Cagliari, i vigili del fuoco e la protezione civile.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

I carabinieri cercano il corpo di Francesca Deidda, la 42enne scomparsa a fine maggio da San Sperate e che gli inquirenti sono convinti sia stata uccisa dal marito Igor Sollai, autotrasportatore di 43 anni. Secondo l’accusa, le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Marco Cocco, avrebbe assassinato la moglie, nascosto il cadavere e per settimane, utilizzando il telefonino della donna, si sarebbe sostituito a lei mandando messaggi rassicuranti a amici, parenti e colleghi di lavoro per convincerli di essersi allontanata volontariamente. Il 30 maggio il fratello della donna e una collega hanno presentato una formale denuncia di scomparsa, facendo scattare le indagini. Ieri Sollai è stato arrestato dopo la convalida del fermo, e si trova in carcere a Uta su disposizione del gip Ermengarda Ferrarese, alle cui domande il sospetto femminicida non ha risposto.

Nelle prossime ore per cercare il corpo di Francesca sarà organizzata un’ampia battuta in cui saranno coinvolti i cacciatori di Sardegna, i militari della compagnia di Iglesias, i colleghi del nucleo investigativo del comando provinciale di Cagliari, i vigili del fuoco e la protezione civile. Le ricerche si concentreranno nei luoghi in cui si è attivata la cella del cellulare di Francesca Deidda, quel telefonino, mai trovato, che Igor Sollai avrebbe utilizzato per sostituirsi a lei. Il 43enne, da quanto si apprende, aveva un’altra relazione. Nelle prossime ore saranno pianificati gli accertamenti a bordo delle auto e dell’appartamento di Sollai.


In questo articolo: