Servitù militari, Pigliaru: “Nessun immobilismo, solo fermezza”

“Sulla presenza militare in Sardegna, la Regione ha un obiettivo molto chiaro: il riequilibrio dei gravami” è la risposta del Presidente della Regione Pigliaru al sottosegretario  alla Camera dei Deputati Domenico Rossi

 “Dalla Regione nessun immobilismo su servitù militari, solo determinazione e fermezza. Il sottosegretario Rossi sa benissimo che la nostra interlocuzione con il Governo é continua e che la Regione sta lavorando per ottenere un risultato coerente con la posizione espressa dal Consiglio regionale nell’Ordine del Giorno del 17 giugno 2014″. Lo dichiara il presidente della Regione Francesco Pigliaru a proposito dell’intervento del sottosegretario Domenico Rossi alla Camera dei Deputati. 

“Sulla presenza militare in Sardegna la Regione ha un obiettivo molto chiaro, il riequilibrio dei gravami, che stiamo perseguendo attraverso un confronto che a tratti è anche forte e difficile, come è naturale accada su argomenti di cui si discute da oltre trent’anni. Se alcuni risultati concreti li abbiamo ottenuti – prosegue il Presidente, facendo riferimento alla sospensione delle esercitazioni nei Poligoni per la prima volta nel periodo che va dal primo giugno al 30 settembre e il diritto all’indennizzo per i pescatori di Capo Frasca, atteso da 25 anni -, sulle altre questioni le nostre trattative non sono mai cessate. L’accordo al quale stiamo lavorando dovrà prevedere misure concrete di riequilibrio  da attuarsi con modalità e tempi certi. Questa è la nostra posizione – conclude Francesco Pigliaru -, la ministra Pinotti, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il sottosegretario Rossi la conoscono bene e non da oggi.”