Sardegna, si complica la fusione tra Moby e Tirrenia

Al progetto di fusione tra le due società si è opposto un creditore. Ma onorato è fiducioso: “L’operazione non crea alcun pregiudizio nei confronti dei creditori. Le due compagnie esprimono piena fiducia nella scelta della Corte”

Un ricorso contro la fusione tra Moby e Tirrenia. Ma la compagnia è fiduciosa sul via libera all’operazione.

Al progetto di fusione si è opposto un creditore. Le compagnie Moby e CIN ritengono che “non esistano presupposti validi per Tirrenia in AS per bloccare la Reverse merger, perché questa non crea alcun pregiudizio nei confronti dei creditori. Sulla base di questa considerazione, le due compagnie esprimono piena fiducia nella scelta della Corte in favore della reverse merger”.

La decisione è prevista entro il primo semestre del 2019.


In questo articolo: