Sant’Elia, i Baschi Verdi arrestano uno spacciatore: decisive anche le unità cinofile

Complessivamente, le operazioni della Finanza hanno consentito di sequestrare 6 dosi di marijuana, per un peso complessivo di 9,85 grammi – occultati all’interno di un vaso in cemento – e 13 dosi di cocaina

Sant’Elia, i Baschi verdi arrestano uno spacciatore: decisive anche le unità cinofile. Durante un servizio di perlustrazione del territorio, una pattuglia di Baschi Verdi, nel quartiere di S. Elia, all’altezza di piazza Lao Silesu, ha notato il “classico” movimento di persone legato ad un’attività di spaccio: atteggiamento circospetto e guardingo, rapido ingresso all’interno di un palazzo o di un’abitazione, allontanamento veloce cercando di non dare nell’occhio.

In particolare, lo spacciatore – soggetto cagliaritano, classe 1970, con precedenti specifici e già denunciato a piede libero dagli stessi Baschi Verdi lo scorso dicembre per possesso di sostanze stupefacenti (0,7 grammi di cocaina e 11 grammi di marijuana) – dopo gli iniziali contatti con i clienti, andava a recuperare lo stupefacente da un vaso in cemento sito nel giardino antistante i parcheggi in Piazza Lao Silesu, per poi completare la vendita consegnando le dosi ai vari avventori.

Avendo analizzato attentamente i movimenti e gli scambi circospetti, i Finanzieri decidevano di intervenire e, con l’imprescindibile ausilio delle unità cinofile, perquisivano lo spacciatore, i luoghi circostanti la zona di spaccio dove veniva nascosta la droga, e il suo appartamento.

Complessivamente, le operazioni di servizio hanno consentito di sequestrare 6 dosi di marijuana, per un peso complessivo di 9,85 grammi – occultati all’interno di un vaso in cemento – e 13 dosi di cocaina, per un peso complessivo di 1,8 grammi – riposti all’interno di un pacchetto di sigarette ritrovato dietro un cespuglio – oltre che 380 euro in contanti quale provento dell’attività di spaccio

Il soggetto, su disposizione del Magistrato di turno, è stato tratto in arresto e sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari in attesa del giudizio per direttissima svoltosi questa mattina: al suo esito è stata fissata l’udienza per il prossimo 28 gennaio, data fino alla quale è stato disposto nei suoi confronti l’obbligo di firma presso il Comando della 2° Compagnia della Guardia di Finanza di Cagliari.


In questo articolo: