“Sant’Efisio sfiorerà i tanti fedeli nonostante il momento tragico, ci sarà sempre”

Santo vestito a lutto e distante dalla folla, le parole di speranza di Giancarlo Sanna: “Sarà come una madre che accarezza i capelli ai bimbi mentre dormono, rassicurandoli con la sua presenza”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA

È un Sant’Efisio già entrato nella storia, quello dell’edizione numero 364. Il martire guerriero non esce il primo maggio, appuntamento tra due giorni ma senza folla, petali e launeddas. Tutta “colpa” dell’emergenza Coronavirus, ma il voto verrà sciolto lo stesso, seppur in forma ristretta e riservata. Giancarlo Sanna, presidente dell’Arciconfraternita del Gonfalone, sente in pieno il peso del momento: “Tragico”. Però, c’è un però: “Come ha detto anche il sindaco, il trasporto di Efisio sarà di tipo tecnico ma, nonostante tutto, sfiorerà tutti i paese previsti nel percorso e che, da sempre, lo accolgono con calore e fede. Efisio è come una mamma che accarezza i capelli dei suoi bimbi mentre dormono, rassicurandoli con la sua presenza”. Parole belle, di speranza e, al tempo stesso, forti, quelle di Sanna: un’intera Isola prega il martire guerriero perchè sia “liberata” da una pandemia che, nonostante i dati più contenuti rispetto ad altre regioni, c’è lo stesso e ha imposto, da ormai quasi due mesi, tutta una serie di restrizioni, inclusa la grande modifica della festa di Efisio.

“Lui, Efisio, ci sarà sempre, per tutti”, assicura Sanna. Anche se sarà impossibile toccarlo, inondarlo di petali e rivolgergli preghiere a pochi centimetri di distanza.


In questo articolo: