Riaprono gli impianti di sci in zona gialla dal 15 febbraio, ancora al palo palestre e piscine

Si potrà tornare a sciare tra dieci giorni esatti, arriva il “sì” del Cts. Ancora nulla da fare, invece, per palestre e piscine: nell’ultimo Dpcm di Conte, infatti, lo stop dura sino al prossimo cinque marzo

C’è il “sì” del Cts alla riapertura degli impianti sciistici in zona gialla a partire dal prossimo quindici febbraio. Gli scienziati hanno dato questa indicazione al Governo al termine della riunione di oggi: gli amanti della montagna e delle piste innevate, quindi, tra dieci giorni esatti potranno tornare a indossare sci e bastoncini. Niente da fare, invece (il tema non è stato nemmeno toccato) per quanto riguarda le palestre e le piscine. Lo stop rimane quello dell’ultimo Dpcm firmato dall’ormai premier dimissionario Giuseppe Conte, valido sino al prossimo cinque marzo. Sport all’aria aperta consentito, quindi, non invece nelle strutture.
Difficile, infatti, che possano arrivare dei via libera improvvisi per palestre e piscine: troppo elevato il rischio di contagi, anche se prima dell’ultimo Dpcm era emersa la possibilità, poi accantonata rapidamente, di poter far svolgere lezioni singole. Un altro mese esatto di chiusura all’orizzonte, con tanti sportivi costretti ad allenarsi o a casa o nei parchi e tutti i titolari delle strutture in attesa della nuova tranche dei ristori, già giudicati insufficienti.