Regionali, Soru: “Truzzu si fa proteggere dalla Meloni per coprire i disastri combinati a Cagliari”

Il candidato della colazione sarda contro i leader nazionali in arrivo nell’Isola: “Da una parte, la presidente del Consiglio arriva a cercare di colmare il vuoto del sindaco del capoluogo. Dall’altra, i vertici di Pd e 5Stelle fanno finta di andare ancora d’accordo e propongono il solito copione del “voto utile””


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

“A pochi giorni dalle elezioni, centrodestra e campo largo chiamano i leader in soccorso. Vengono da Roma a dirci chi votare, chi sarebbe meglio scegliere per la Sardegna. E vengono a dircelo quelli che hanno nominato i candidati, i loro governatori, i loro viceré”. Così Renato Soru, leader della coalizione sarda.

Da una parte, la presidente del Consiglio arriva a cercare di colmare il vuoto di idee di Paolo Truzzu, quello che a Cagliari si farà vedere solo protetto da Meloni dopo i disastri combinati alla guida del capoluogo. Dall’altra, i vertici di Pd e 5Stelle fanno finta di andare ancora d’accordo e propongono il solito copione del “voto utile” con cui, in un ultimo scatto disperato, tentano di manipolare elettrici ed elettori sardi. E condiscono questa litania con sondaggi taroccati o inventati per l’occasione, sicuri che i sardi abbiano l’anello al naso.

E poi ci siamo noi, bollati come terzo incomodo dall’informazione. Noi che siamo andati in tutta la Sardegna per incontrare i cittadini e costruire insieme il progetto in decine e decine di incontri partecipati, stimolanti, ricchi di idee. Noi che abbiamo raccolto in un’aggregazione nuova partiti nazionali, di ispirazione sarda, sardista, autonomista e indipendentista. Che non abbiamo il favore dei giornali nazionali, ma abbiamo testa, cuore e gambe in Sardegna. Noi che pensiamo agli esclusivi interessi della Sardegna e non al posizionamento per le Europee. Noi che siamo più di quanto stanno cercando di farci credere, più delle scelte fatte da altri per la nostra terra, che siamo una comunità che prende in mano il proprio destino.

Abbiamo forza per rappresentarci da soli, mai più sotto nessuno, nemmeno sotto la politica italiana”.


In questo articolo: