Quartu, teppisti scatenati dopo la scuola: “Si mettono a saltare sui cofani delle auto”

Urla, schiamazzi e macchine utilizzate come improbabili tappeti elastici. Residenti furiosi in via Sant’Antonio: “Ai nostri tempi si sarebbero presi sonori schiaffoni, invece dobbiamo stare zitti perchè i genitori potrebbero minacciarci per averli sgridati”. GUARDATE il VIDEO


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Urla, schiamazzi e danneggiamenti. A Quartu, nella zona di via Sant’Antonio, i residenti sono esasperati e puntano il dito contro i giovanissimi che, terminate le lezioni nella scuola media che si trova nella zona, seminano il caos. C’è un video, realizzato da un abitante, Alessandro Brundu, che si fa portavoce del malcontento generale anche con un post pubblicato su uno dei gruppi Fb più numerosi della città: “Ogni giorno dalle 14:05 alle 14:15 dobbiamo subire le prepotenze di questi ragazzini, che ai miei tempi avrebbero preso sonori schiaffoni sia dal padrone della macchina che dai genitori. Invece, si deve stare zitti perché poi potrebbero arrivare i genitori a minacciarti per aver sgridato i figli”, scrive. Contattato da Casteddu Online, spiega che quella dei giovanissimi teppisti non è l’unica emergenza: “Qui, almeno una volta al mese, c’è qualcuno che dà fuoco alle automobili parcheggiate sotto i palazzi”.
“Nel video che ho realizzato si vedono i salti gioiosi, sul cofano di una macchina che fortunatamente non è mia, del cretino di turno, proprio in via Sant’Antonio”.