Quartu, ritorna lo storico luna park a Pitz’e Serra: autoscontro, giostrine e tappeti elastici

Dopo due anni di stop per colpa del Covid ecco luci e giostrine nel maxi spiazzo di via Cecoslovacchia, le attrazioni resteranno sino a fine novembre. I giostrai felici: “Impossibile lavorare a Decimomannu per Santa Greca, a Quartu potremo stare due mesi e il Comune ci ha dato il suolo pubblico gratis. È un’importante boccata d’ossigeno”. Ecco quando sarà l’inaugurazione

Lo spiazzo sterrato di via Cecoslovacchia a Quartu Sant’Elena sta per tornare ad animarsi con lo storico luna park. A due anni di distanza le giostrine si preparano a tornare nell’area, di proprietà comunale, utilizzata sino a qualche anno fa da vari giostrai. Poi, lo stop per colpa del Covid ha portato solo silenzio e tristezza sin dal mese di marzo 2020. Adesso, però, la svolta: da sabato primo ottobre e per tutto il mese di novembre, infatti, cinque aziende (il luna park Europa, quello di Gianluigi Mura, le giostrine di Mirko Mura, le attrazioni di Lorella Steinhouse e di Donatella Duville) potranno tornare a far divertire i più piccoli e le loro famiglie e, soprattutto, torneranno a lavorare. Due mesi di divertimento “tra tappeti elastici, percorso quod, rana pazza, autoscontro, giostra con i seggiolini, crazy dance e pendolo”: insomma, ce n’è per tutti i gusti.
“Purtroppo non abbiamo potuto lavorare nei giorni della festa di Santa Greca a Decimomannu”, spiega uno dei giostrai, Gianluigi Mura. “Abbiamo fatto la richiesta al Comune di Quartu e ce l’ha approvata in pochissimo tempo, concedendoci inoltre il suolo pubblico gratuito. Normalmente lavoravamo da novembre sino a Natale,prima del Covid. Abbiamo dovuto solo pagare la corrente elettrica e i diritti d’istruttoria con l’ingegnere. L’ultima volta che avevamo utilizzato l’area di via Cecoslovacchia la pandemia non era ancora scoppiata”. Il taglio del nastro, quindi, tra meno di sei giorni: “Per noi, dopo mesi di stop e poche occasioni di lavoro, è davvero una grande e importante boccata d’ossigeno”.


In questo articolo: