Quartu, Milia contro i tamponi gratis per i non vaccinati: “Ci salvano solo vaccini e green pass”

Prima ancora del via ai test gratis per tutti a Cagliari, il sindaco di Quartu annuncia zero nuovi contagi nelle ultime 24 ore in città e avvisa: “Tamponi gratuiti per chi non vuole vaccinarsi? In Italia ci costerebbero un miliardo sino a fine anno, è una politica sbagliata”

Il netto calo dei contagi in Italia? “Grazie al green pass”. Il sindaco di Quartu Graziano Milia ritorna sul tema del Covid e, proprio in contemporanea con l’inizio dei tamponi gratis per tutti alla stazione dei treni di Cagliari, seppur non facendo nessun riferimento al capoluogo sardo, torna a contestare un possibile “via libera” ai test a costo zero per chi non vuole vaccinarsi. Milia l’aveva già detto sabato scorso: “Nella palestra di via Nenni il green pass viene dato solo a chi deve fare il tampone perché non può vaccinarsi, agli altri invece no”. E, commentando la maxi manovra economica del Governo Draghi, “venticinque miliardi, aiuteranno anche il ceto medio e le partite Iva”, conferma la sua idea sulla “validità del green pass” e la conseguente bocciatura dei tamponi gratis: “Se adottassimo questa politica per chi non si vuole vaccinare dovremmo sottrarre ai venticinque miliardi un miliardo sino a fine anno, e nel 2022 la cifra aumenterebbe in maniera esponenziale. Solo questo elemento ci porta a dire quanto sia sbagliata questa politica”, dice Milia. E, proprio in un periodo nel quale si è parlato anche della possibile chiusura di hub vaccinali nell’Isola (con le primissime chiusure avvenute a fine mese), il sindaco di Quartu continua a promuovere appieno il piano di Draghi per uscire dalla oendemia.

 

“Continuiamo con le vaccinazioni e con il green pass, sono le uniche due cose che ci salvano”.


In questo articolo: