Quartu, l’sos di un 80enne: “Intervento agli occhi solo l’11 giugno, sto perdendo la vista”

Una serie di visite e interventi, l’ultima il 25 settembre 2020. La prossima? Tra un mese e mezzo. Alfredo Mazza: “Ho una maculopatia agli occhi, in uno c’è anche un’emorragia in corso. Non hanno il farmaco adatto per l’intervento al San Giovanni di Dio, quando potranno operarmi avrò probabilmente perso completamente la vista”

Attende la data dell’iniezione, prevista al San Giovanni di Dio da Cagliari, con il terrore che sarà tutto inutile. Alfredo Mazza, 80enne quartese, sta “perdendo la vista giorno dopo giorno”. Affetto da maculopatia, è seguito nel reparto di Oculistica dell’ospedale cagliaritano. Un intervento giudicato “urgente” non può avvenire in tempi rapidi perchè “manca un farmaco”. L’anziano è disperato: “Hanno previsto una iniezione di un liquido che serve per bloccare la progressiva perdita della vista per il prossimo 11 giugno. Assurdo, ho un’emorragia in corso all’occhio sinistro e, per quella data, sarò molto probabilmente cieco”, racconta, con la voce rotta dallo stress e dalla paura, l’anziano. Che mostra le cartelle mediche dove si può leggere che la data dell’operazione è proprio tra un mese e mezzo, “alle 8:30”. Iniezione e farmaco rischiano, quel giorno, di essere totalmente inutili. “Mi sto accorgendo che, pian piano, sto progressivamente perdendo la vista. I medici dell’ospedale mi hanno detto che c’è un ritardo nell’arrivo del farmaco adatto a me, non ci sono le fiale e quindi non possono intervenire”.
Mazza ha già studiato qualche alternativa, ma non è ancora arrivato a una soluzione: “Forse posso andare in un altro ospedale, ma non ho ancora preso contatti. Ho scritto, ieri, una email all’Ufficio relazioni con il pubblico dell’Aou di Cagliari: “Domando di conoscere la posizione nella agenda di prenotazione per intervento urgente a seguito di fluorangiografia eseguita il 30 marzo 2021 al reparto di Oculistica del San Giovanni di Dio, dove mi è stato fissato il seguente programma”. E, di seguito, le tre date per la somministrazione “dell’Eylea”. La prima è, appunto, l’11 giugno 2021. “Se non intervengono prima sarò cieco. Penso che mi rivolgerò a un avvocato, voglio continuare a vedere. Essere curato è un mio diritto”.