Quartu, l’estate infinita dei cafoni sulla litoranea e a Mari Pintau: strage di multe

Auto e scooter parcheggiati nelle curve e in altri punti pericolosi, la voglia di tintarella nella spiaggia che presto sarà a numero chiuso fa compiere tante infrazioni. E, anche durante la settimana, la polizia Locale stacca un verbale dietro l’altro


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Il desiderio di un tuffo o di una tintarella tra le pietre di Mari Pintau a Quartu non conosce sosta. Ma, purtroppo, a essere vietata è la sosta non dei bagnanti ma delle loro auto e scooter, parcheggiati alla rinfusa e in punti totalmente vietati sulla Provinciale 17. Dal Comune l’avevano promesso: nell’ultima estate senza il numero chiuso “nessuna pietà” per chi mette in pericolo la propria vita e quella degli altri lasciando le vetture anche in punti della strada totalmente ciechi. E così, dopo la strage di multe del weekend, ecco servito il bis, in un martedì di luglio con temperature torride. Gli agenti della polizia Locale sono andati praticamente a colpo sicuro, ma ci sono state anche numerose segnalazioni da parte di automobilisti che hanno rischiato frontali o di andare a sbattere contro auto più o meno grandi lasciate con due ruote sulla ghiaia e le altre due vicino alla striscia continua bianca della Provinciale. Non ci sono stati incidenti, fortunatamente, ma molti bagnanti, una volta tornati alle proprie auto o moto, hanno trovato l’amara “sorpresa” della contravvenzione sul parabrezza o sul lunotto anteriore. E iniziano ad arrivare anche le denunce da parte delle associazioni che si occupano di mobilità e diritti di pedoni e automobilisti.
“Dopo avere occupato tutte le banchine, e ricordando che la sosta in banchina è sempre vietata”, denuncia l’Utp, Utenti trasporto pubblico Sardegna, ” le auto hanno costretto i pedoni a camminare nella corsia di marcia e impedito a chi ha un’avaria o un malore di potersi fermare. Alcuni cittadini hanno deciso di parcheggiare anche sul margine della corsia, costringendo i veicoli a camminare contromano. Ovviamente questi geni, una volta buttata l’auto in quelle posizioni, te li ritrovi dietro le curve con sdraio, borsoni e bambini che camminano lungo la corsia”. E, altrettanto ovviamente, “la polizia Locale è passata e ha fatto strage di multe”.


In questo articolo: