Quartu, il cimitero si allarga: 72mila euro per i loculi d’emergenza aspettando il forno crematorio 

Il Comune liquida la prima tranche per realizzare decine di nuovi loculi, in attesa del maxi ampliamento. E, già da qualche giorno, nel camposanto sono stati piazzati i nuovi contenitori per i rifiuti

La macchina è già in moto da giorni, oggi il primo atto ufficiale dal punto di vista economico. Gli uffici comunali hanno liquidato i primi 72mila euro all’impresa che sta effettuando i lavori di ampliamento del cimitero di Quartu Sant’Elena. Una prima tranche su un totale di più di 220mila euro per garantire loculi per i prossimi due anni. Il progetto complessivo del primo lotto è di 1,7 milioni, con l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Graziano Milia che attende il via libera della Regione per poter procedere all’esproprio di alcuni terreni, mossa indispensabile per allargare il camposanto. Tutto in attesa della realizzazione del primo forno crematorio: le richieste dei parenti dei defunti che hanno espresso il desiderio di essere cremati sono in aumento costante, e la terza città della Sardegna non ha ancora un impianto adatto.

 

 

 

E, intanto, scatta anche l’operazione interna di restyling: da qualche giorno gli addetti alla custodia del cimitero hanno piazzato decine di maxi mastelli bianchi, a disposizione di chi va a trovare i propri cari e ha necessità di buttare fiori e piante rinsecchiti.


In questo articolo: