Quartu, ecco la nuova rotatoria in viale Colombo: rivoluzione traffico

Il sindaco Delunas: così ridurremo del 70 per cento i tempi di attesa dei quartesi nel traffico

Una nuova rotonda in viale Colombo, capace di smaltire il traffico, ridurre la velocità dei veicoli e quindi migliorare la sicurezza, moderare i livelli di intensità acustica e di inquinamento, garantire minori costi gestionali. È la novità voluta dall’Amministrazione comunale per l’incrocio tra le vie Colombo, Salieri e San Benedetto, nelle quali è partita ieri la sperimentazione del progetto di modifica della circolazione stradale.

 

La Giunta Comunale aveva infatti approvato a inizio agosto una delibera che dava il via libera alla miglioria, e ora la rotonda è stata concretizzata. L’intersezione a raso situata nei pressi del Lungosaline, sino a ora regolata da semafori, rappresenta infatti uno dei principali nodi stradali per la città, nonché snodo cruciale per la connessione col Lungomare Golfo di Quartu.

 

Proprio in quanto principale itinerario di collegamento del centro cittadino col mare, nonché porta di accesso alla città, insieme al viale Marconi, per chi arriva da Cagliari, l’incrocio è interessato da un notevole volume di traffico, spesso caratterizzato da intralci e rallentamenti, e si contraddistingue inoltre anche per un elevato indice di incidentalità.

 

La novità potrà comportare una riduzione dei tempi di attesa pari anche al 70% e un miglioramento della sicurezza, con riduzione dell’incidentalità superiore al 50%, per via dell’obbligo di dare la precedenza ai veicoli che hanno già impegnato la rotatoria, e quindi per l’effetto di controllo sulla velocità dei veicoli in transito. Pertanto riducendo l’andatura in ingresso e in circolo diminuiscono sia la probabilità di incidenti sia la gravità delle conseguenze.

Per l’intersezione in questione si è pertanto deciso di modificare la disciplina della circolazione con la disattivazione dei semafori e la realizzazione in via sperimentale di una rotatoria cosiddetta ‘alla francese’ (obbligo di dare la precedenza alla corrente di traffico circolante nella stessa rotatoria), a una corsia di marcia, capace di assicurare un movimento fluido e sicuro del traffico. Per la fase sperimentale sono state realizzate delle barriere di tipo ‘new jersey’ in polietilene e la necessaria segnaletica stradale.

 

Si evidenziano inoltre le positive ricadute in termini di diminuzione dell’inquinamento da polveri sottili e dei livelli di intensità acustica, derivanti appunto da una ridotta e più costante velocità e dall’abbattimento degli ingorghi interni all’anello, nonché dall’eliminazione delle lunghe attese ai semafori che ne controllavano gli accessi. Inoltre va rimarcata la riduzione delle spese comunali, derivanti dalla decrescita dei costi gestionali e di sorveglianza. E ancora, ci sarà la possibilità per gli automobilisti di sfruttare la rotonda per l’inversione di marcia.

 

In prossimità della rotonda sono stati inoltre istituiti diversi attraversamenti pedonali, che nel dettaglio interessano via Salieri, all’altezza del civico 1, viale Colombo, all’altezza dei civici 340 e 346, via San Benedetto, all’altezza del civico 123. È prevista inoltre l’istituzione di un nuovo percorso ciclabile nel viale Colombo, delimitato con segnaletica stradale, al fine di garantire il collegamento tra le piste di ultima realizzazione di via San Benedetto e di via Salieri con il viale Lungomare Golfo di Quartu.

 

“Lo spirito della sperimentazione, che andrà avanti almeno per i prossimi 6 mesi, è capire bene le risposte del traffico nelle varie fasi dell’anno – spiega il Vicesindaco e Assessore al Traffico Paolo Passino -. Avremo quindi modo di prendere nota dei flussi di traffico in questo periodo, quindi ancora nella bella stagione, così come quelli del periodo invernale, con molti quartesi che potrebbero preferire il Poetto per recarsi a Cagliari nel posto di lavoro”.

 

“Se i riscontri saranno positivi – ribadisce il Sindaco Stefano Delunas – la rotatoria sarà non solo confermata ma molto probabilmente anche ampliata, eliminando gli angoli dell’incrocio, attualmente occupati dai semafori. Intendiamo sviluppare e snellire l’arteria, perché sia in grado di reggere flussi di traffico importanti, anche in vista di una crescita turistica della città, che è un obiettivo concreto di quest’Amministrazione. Inoltre – conclude il Primo Cittadino – la novità sarà utile per il completamento del circuito delle ciclabili, che oltre alle vie Salieri, Colombo e San Benedetto, includerà anche via Fiume e il Lungomare Golfo di Quartu”.


In questo articolo: