Orrore a Dolianova: spara e uccide il cane di una imprenditrice, poi cerca di far sparire il corpo caricandolo in auto

I carabinieri hanno denunciato per uccisione di animali un allevatore 26enne. Con la complicità del padre, il giovane avrebbe ucciso a fucilate il Labrador di una imprenditrice.

Orrore a Dolianova: spara e uccide il cane di una imprenditrice, poi cerca di far sparire il corpo caricandolo in auto.
E’ avvenuto nella serata di ieri a Dolianova. Al termine di una serie di accertamenti di polizia giudiziaria intrapresi a seguito della denuncia presentata da una cinquantasettenne del luogo, imprenditrice, titolare di un agriturismo, a proposito dell’uccisione del proprio cane di razza Labrador, i carabinieri hanno denunciato per uccisione di animali un allevatore 26enne. La donna ha raccontato ai militari dell’Arma che nel pomeriggio, mentre faceva una passeggiata in località Baku e Cardu di Serdiana, ha visto l’uomo scendere velocemente dalla propria auto imbracciando un fucile e sparare un colpo con quell’arma contro il suo cane, uccidendolo. Subito dopo, con l’aiuto del padre, ha caricato l’animale morto nel bagagliaio dell’auto e si è allontanato. Le immediate perquisizioni domiciliari e veicolari condotte dai carabinieri di Dolianova hanno permesso di acquisire elementi che confermano il racconto della donna. Nella stessa circostanza si è potuto verificare come lo sparatore possedesse, in eccesso rispetto a quanto denunciato per la legittima detenzione dell’arma adoperata nella circostanza, 37 cartucce 9×21 e 15 cartucce a pallini calibro 16 per fucile. Tali calibri non corrispondono a nessuna delle armi detenute dall’uomo. Pertanto si è proceduto al sequestro dei colpi abusivi. A proposito del movente che ha condotto all’uccisione dell’animale, può essere che il cane abbia in qualche modo disturbato le pecore dei due allevatori, ma il tutto deve essere ricostruito ancora con esattezza.


In questo articolo: