Nuove rotatorie quasi ultimate ad Assemini

Collaudo superato, la viabilità in città ha cambiato volto per una maggior sicurezza sia per gli automobilisti che per i pedoni.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Traffico scorrevole dove le opere sono state completate, importanti lavori messi in campo e che, in pochi mesi, hanno rivoluzionato le abitudini dei residenti. I disagi iniziali sembrano essere del tutto superati, le abitudini sono cambiate e già assimilate quelle nuove. In fase di ultimazione la rotonda Via Piave. “Il termine dei lavori è previsto per fine gennaio.

Oggi sono iniziati i lavori di fresatura dell’asfalto.

È nostro interesse accelerare affinché, fatta salva la bontà del lavoro, importante e atteso, si riducano i tempi del disagio per i fruitori della zona, sia esercenti che residenti.

E coi lavori di oggi stiamo dando una bella accelerata” ha spiegato il sindaco Mario Puddu.

Per la rotonda di via Sardegna, via Cagliari, “i lavori di variante partiranno subito dopo l’approvazione tecnica da parte degli uffici.

I lavori in variante sono l’illuminazione, fornitura dei pali e posa in opera, posa in opera di dissuasori, risoluzione di casi di raccordi marciapiedi/strada per barriere architettoniche, finitura dell’area rifornitore, realizzazione passaggi pedonali rialzati.

Sarà nostra premura cercare di intervenire, laddove il codice della strada lo permetta, in modo da ridurre l’ampiezza di alcuni nuovi marciapiedi che risultano di dimensione eccessiva, questo è un nostro pensiero e anche il risultato delle osservazioni che ci sono giunte in queste settimane.

Chiarisco che le dimensioni delle corsie non vengono calcolate ad occhio o sentimento, ma devono rispettare norme delle strada abbastanza rigorose. Però vedrò se ci sono dei margini per un nostro intervento”. Piccoli accorgimenti da adottare, insomma, se sarà possibile, anche grazie alle considerazioni effettuate dai cittadini.

Altro cantiere aperto, quello di piazza Don Bosco, “sono ripresi i lavori che si protrarranno per altri 2 mesi, per concludere la pavimentazione già demolita e ultimare il tratto sino all’incrocio via Taranto e via IV Novembre.

Se qualcuno ha notato dei giorni di fermo, questi sono dovuti al fatto che abbiamo approfittato del rifacimento della pavimentazione per risolvere degli annosi problemi di ordine idrico fognario.

Converrete con me sul fatto che sia stato meglio cercare di risolverli adesso, piuttosto che riaprire a lavori ultimati.

Capiamo il disagio dei residenti, ma confidiamo nella loro comprensione”.

Gli allagamenti, dunque, in caso di intense piogge, dovrebbero essere solo un brutto ricordo.


In questo articolo: