Museo Archeologico di Cagliari: record di presenze nel mese di agosto

Oltre 8 mila visitatori

 

Record di presenze ad agosto per il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari.  Con oltre 8.000 visitatori e con prenotazioni che arrivano sino ad ottobre, il Museo Archeologico di Cagliari si rivela essere un museo d’eccellenza per la Sardegna. Un dato interessante riguarda l’incremento del tempo dedicato alla visita che fa dell’esperienza museale un momento di particolare fascino. Il pubblico rimane più a lungo al museo soffermandosi nelle sale, interagendo con il museo tattile, i sistemi informatici multimediali e con le ricostruzioni tridimensionali delle aree archeologiche.

Non solo numeri, ma un’offerta culturale all’avanguardia, capace di rispondere alle esigenze dei numerosissimi visitatori che ogni giorno affollano le sale del museo Cresce la proposta e la domanda per le attività ludico-didattiche informative offerte dal personale qualificato del museo e da quello dei servizi aggiuntivi presenti anche con il book-shop del museo.

Grande richiamo e attenzione mantengono i guerrieri di Mont ‘e Prama, la ricca collezione dei bronzetti e le rappresentazioni della Dea Madre, in particolare quella recuperata negli scavi di “Cuccuru S’Arriu” a Cabras. Una piccola statua risalente al Neolitico medio (IV-III millennio a.C.) della cosiddetta cultura di Bonu Ighinu di appena 18 centimetri. La scultura di oltre 6000 anni, dall’abbondante forma di una figura femminile e con un “reale” copricapo finemente decorato, raccoglie, per la sua straordinaria eleganza e suggestione della forma, lo sguardo quasi “incredulo” dei visitatori che vengono accolti nella visita al museo. 


In questo articolo: