Monserrato, bagarre durante il Consiglio “per il poco tempo concesso dal presidente”: la minoranza abbandona la seduta

La minoranza abbandona la seduta in streaming: “Dodici interpellanze ma il presidente del Consiglio non ci ha dato il tempo per esporle”

Bagarre durante il consiglio comunale di Monserrato: quasi tutta la minoranza, in segno di protesta, abbandona la seduta tenutasi in streaming. Tensione tra i consiglieri di minoranza ai quali, durante la discussione di 12 interpellanze, è stata negata la possibilità da parte del presidente del consiglio di completare le argomentazioni. Il motivo, una questione di tempo.

 

“Il Presidente del Consiglio, andando contro il regolamento e adducendo fantasiose interpretazioni, ci ha tolto la parola e con questo abuso ci ha proibito di dare voce ai cittadini attraverso le interpellanze già depositate da tempo – spiegano i consiglieri Andrea Zucca e Valentina Picciau – purtroppo rimangono inevase le risposte su problemi importanti quali i defunti tumulati nei loculi alti e fatiscenti, i problemi inerenti l’erogazione dell’acqua nelle zone Su Trèmini de Susu e S’Eca ‘e s’Arena, la situazione della mitigazione del rischio idrogeologico e delle vasche di laminazione già da tempo finanziate e mai realizzate, la messa a norma anti-covid per permettere la riapertura della biblioteca di Monserrato, lo stato di degrado della zona prossima alla fermata della metro di via dell’Argine. A colpi di maggioranza si toglie la voce ai cittadini per nascondere le proprie mancanze e la propria inadeguatezza. Siamo stati costretti ad abbandonare i lavori in segno di protesta dopo aver cercato di non darci la parola adducendo come scusa problemi tecnici inesistenti”.


In questo articolo: