Monopattini elettrici tra parcheggi e stalli a Cagliari, Polastri: “Servono regole certe”

Il presidente della Commissione politiche per la Sicurezza del Comune di Cagliari Marcello Polastri, chiede un vertice al Comune sui monopattini elettrici e scrive alla Camera, anche in attesa delle principali novità previste nell’imminente Decreto Legge per regolamentarne l’uso

Il presidente della Commissione politiche per la Sicurezza del Comune di Cagliari Marcello Polastri, chiede un vertice al Comune sui monopattini elettrici e scrive alla Camera, anche in attesa delle principali novità previste nell’imminente Decreto Legge per regolamentarne l’uso.  Cagliari capofila che applicherà le nuove regole ? 
 
“Sappiamo – sostiene Polastri – che il legislatore sta analizzando il possibile divieto di guida per chi non è maggiorenne, e quello di non superare i 20 Chilometri orari e di circolare a certe ore, ad esempio al tramonto  e di indossando casco e giubbotto catarifrangente, ma qui urge capire il da farsi nel frattempo a Cagliari, città nella quale fioccano le prime segnalazioni di parcheggi occupati in modo poco rispettoso e di monopattini che sfrecciano tra le persone a piedi. Ben venga la nuova mobilità ma siamo pronti a far rispettare regole e spazi comuni ? ”. 
 
Tantissimi cittadini infatti – precisa Polastri – mi segnalano il fatto che spesso i monopattini elettrici siano soliti sfrecciare tra le persone e dunque creare sensazioni di pericolo, con la conseguente percezione di insicurezza improvvisa più che sulla strada, sui marciapiedi: si pensi ad esempio, ad di là delle  vie Manno e Garibaldi, ai marciapiedi di via Dante dove ho assistito ad un investimento di un bimbo da parte di un adulto in piena accelerazione”.
“Premetto che – prosegue il Presidente –   amo il monopattino elettrico, nulla avrei mai contro il suo uso che reputo ecologico, ma è all’incolumità dei nostri concittadini che dovremmo pensare e alla svelta. Infatti in tanti mi segnalano da giorni non poco disagio anche nel trovare, al solito, i parcheggi riservati alle motociclette che sono occupati oltre che dalle auto, adesso, anche dai monopattini parcheggiati in fila anche a gruppi di 5, 8, 10…”. 
“Resta la curiosità di sapere se gli uffici comunali – prosegue Polastri –  si stiano impegnando anche per  una regolamentazione urbana per questi mezzi, in attesa di appositi provvedimenti normativi, perché se gli automobilisti parcheggiano auto o moto fuori da uno stallo, giustamente, ricevono una salatissima  multa. Occorrono regole uguali per tutti – ribadisce Polastri –  e certezze in un egual trattamento”.
Posto che c’è già un progetto di Legge – conclude  Marcello Polastri – per rivedere il precedente decreto del 2019 sulla sperimentazione nelle città italiane della cosiddetta micro mobilità elettrica (hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel), ma è sotto agli occhi di tutti la necessità di adottare iniziative di regolamentazione organica da collocare anche all’interno del codice della strada. E dunque, nella nostra città e isola di Sardegna”.
 


In questo articolo: