L’infettivologo Galli: “Vedete la Sardegna? Una lezione: basta poco e i dati del virus si ribaltano”

“Per non arrossire poi tutti quanti di vergogna sarà importante, e questo riguarda i responsabili politici e i consiglieri scientifici, dire una volta per tutti che i risultati vanno consolidati, e solo a risultato consolidato – ribadisce Galli – si può pensare a qualsiasi tipo di riapertura”

“Anche quella della Sardegna è una lezione: il conseguimento di determinati risultati che non hanno il tempo di consolidarsi fa sì che basti poco e bastino pochi giorni perché tutto di nuovo si ribalti e vada di nuovo dal bianco al colorato”. Perciò “non c’è assolutamente alcun dubbio” che le restrizioni debbano durare fino a Pasqua. Lo ha detto Massimo Galli, primario infettivologo e professore ordinario di Malattie Infettive, intervenendo ad Agorà su Rai 3.

“Per non arrossire poi tutti quanti di vergogna sarà importante, e questo riguarda i responsabili politici e i consiglieri scientifici, dire una volta per tutti che i risultati vanno consolidati, e solo a risultato consolidato – ribadisce Galli – si può pensare a qualsiasi tipo di riapertura. Speriamo davvero che la curva epidemica stia rallentando. Vediamo i prossimi giorni”.


In questo articolo: