La nuova fiera del turismo esperienziale a Cagliari: “Allunghiamo la stagione e valorizziamo l’interno dell’Isola”

Dopo il successo di ‘Archeologika’, con oltre 10.200 visitatori, il turismo sarà ancora protagonista a Cagliari con ‘Tem Sardinia 2022’, la fiera del turismo esperienziale. Questa prima edizione tratterà i temi del turismo enogastronomico, attivo e sportivo, archeologico, religioso e tradizioni popolari


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Dopo il successo di ‘Archeologika’, con oltre 10.200 visitatori, il turismo sarà ancora protagonista a Cagliari con ‘Tem Sardinia 2022’, la fiera del turismo esperienziale. Questa prima edizione tratterà i temi del turismo enogastronomico, attivo e sportivo, archeologico, religioso e tradizioni popolari. Grazie alle bellezze e alle caratteristiche dell’Isola si può completare l’offerta turistica, contribuendo ad allungare la stagione, a promuovere e valorizzare l’interno della Sardegna, troppo spesso trascurato dai flussi turistici”. Lo ha detto l’assessore regionale del Turismo, Gianni Chessa, durante la presentazione di “Tourism experience management”, organizzato dall’Assessorato insieme a “Insula”, la divisione ‘Agrifood e marketing territoriale’ del Cipnes (Consorzio industriale provinciale nord est Sardegna), che si terrà, dal 28 al 30 ottobre, nella passeggiata coperta del Bastione Saint Remy nel Capoluogo sardo.

“Un appuntamento di rilevanza nazionale e internazionale che, oltre ad un ricco programma di convegni, incontri, tour ed eventi, consentirà l’incontro tra domanda e offerta, con la presenza di 55 operatori sardi e 40 buyer internazionali – ha aggiunto l’assessore Chessa – Solo con un’ampia offerta turistica possiamo puntare ad una Sardegna che possa vivere di turismo tutto l’anno, fattore indispensabile per una crescita economica della Sardegna e dei sardi”.

“Il turismo esperienziale sta conoscendo un’inarrestabile crescita nel mercato delle vacanze e l’evento, che inaugureremo venerdì 28 alle ore 10, sarà arricchito dal confronto tra gli operatori del settore e gli altri attori del sistema territoriale, compresi enti locali e sistemi produttivi”, ha concluso l’esponente della Giunta Solinas.


In questo articolo: