Il cuore di Sennori per combattere la sindrome di Erdheim-Chester

Con lo spettacolo “Feminos” raccolti 4.700 euro donati all’ospedale San Raffaele

Sennori si conferma comunità sensibile e solidale. Domenica scorsa i sennoresi hanno affollato l’auditorium “Antonio Pazzola” per assistere allo spettacolo “Feminos”, organizzato dall’associazione culturale Il Lentischio, sotto la direzione artistica di MapS.Progetto, e con il patrocinio del Comune di Sennori. Una serata-evento organizzata con lo scopo di portare sostegno morale ad Antonello Melino, un concittadino sennorese colpito dalla sindrome di Erdheim-Chester e per raccogliere fondi da donare al progetto di ricerca su questa malattia, portato avanti dall’UO di Immunologia, Reumatologia, Allergologia e Malattie rare, dell’ospedale San Raffaele di Milano.

Obiettivo centrato: con la vendita dei biglietti sono stati raccolti 4.700 euro che son stati donati all’Unità Operativa del San Raffaele a sostegno del progetto di ricerca condotto dal professore Lorenzo Dagna, che ha ringraziato personalmente la comunità sennorese e la famiglia Melino. Nel corso della serata è stato presentato il progetto di ricerca con un video documento registrato dal gruppo di studio dell’ospedale San Raffaele di Milano. Un ringraziamento particolare è arrivato proprio da Antonello Melino e dalle figlie che lo aiutano a lottare contro una malattia rara e poco conosciuta anche in ambito medico. Dal 1930 a oggi sono stati descritti poco più di 500 casi della sindrome di Erdheim-Chester, forma molto rara di istocistosi che se non trattata con terapie adeguate pregiudica le funzioni di organi vitali, quali reni, cuore, e cervello.


In questo articolo: