Giacomo resterà, come un simbolo del coraggio: addio al giovane scalatore sardo

Giacomo Deiana è lo scalatore sardo morto mercoledì in Valle d’Aosta, travolto da una lastra di ghiaccio. Aveva appena 28 anni. La disperazione degli amici

Giacomo resterà. Come un simbolo del coraggio. Lui come Roberto Zanda, lo sport come ragione di vita che purtroppo mette in pericolo la vita stessa. Giacomo Deiana è lo scalatore sardo morto mercoledì in Valle d’Aosta, travolto da una lastra di ghiaccio. Aveva appena 28 anni.

Per una disciplina che era la sua passione, che lo vede ritratto in tantissime foto con la gioia negli occhi. A Sassari, la sua città natale, i suoi amici non riescono a darsi pace. Oggi sulla Nuova Sardegna hanno raccontato la loro disperazione: «È come se mi avessero strappato un pezzo di me. Eravamo cugini, ma era più di un fratello», ha raccontato l’amico di sempre, Marco Corda.

Il cuore di Giacomo si è fermato a Cogne, nell’ultima scalata: colpa di una semplice fatalità, non certo di un’imprudenza, perchè Giacomo Deiana era un giovane scalatore, ma ormai esperto. Stava cercando ancora una volta la vetta. E sotto lascia una valle di lacrime e di sgomento, ma per i suoi conoscenti sarà impossibile dimenticarlo.


In questo articolo: