Forza Italia: “Zedda e gli assessori dentro, i disabili esclusi”

Infuria la polemica sul caso Buoncammino e sull’accesso negato ai disabili: Edoardo Tocco: “Cagliari dimostra di essere indietro con servizi inadeguati, la giunta Zedda non è certamente vicina agli ultimi”

Vietato parcheggiare per i disabili all’altezza del vecchio carcere di Buoncammino. Nessun stallo di sosta per i soggetti svantaggiati all’ingresso del penitenziario ormai dismesso, aperto al pubblico per le visite in occasione delle giornate di primavera organizzate dal Fai, fondo ambiente italiano. La denuncia è del consigliere comunale Edoardo Tocco (FI): “Purtroppo è stato impedito l’accesso ad alcuni invalidi che si sono recati per l’evento – osserva l’esponente degli azzurri – Alcune persone disabili, arrivate all’altezza della chiesetta di San Lorenzo e Pancrazio, sono state bloccate dalla polizia municipale, visto il divieto di parcheggio nelle vicinanze del presidio carcerario. A nulla è servito mostrare il pass per invalidi. Ancora peggio, l’accesso è stato consentito a sindaco, assessori e consiglieri comunali, oltre ad qualche personalità politica”. Ennesima occasione buttata al vento dalla Giunta Zedda per mostrarsi vicina alle problematiche degli “ultimi”. “Non solo – conclude Tocco – non è stato favorito l’ingresso al carcere con rampe di accesso adeguate ai disabili. Davvero un’assurdità senza precedenti. Cagliari ha dimostrato di essere ancora indietro nell’ospitalità e nell’accoglienza, con servizi inadeguati ed inefficienti”.


In questo articolo: