Fibromialgia, l’armatura invisibile: un convegno a Pirri

Un convegno per affrontare i problemi legati alla malattia questo pomeriggio alle ore 16 presso la sala conferenze Ex Distilleria.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Con il patrocinio della Municipalità di Pirri e con la collaborazione dell’ex presidente della Municipalità di Pirri, Maria Laura Manca, su proposta dell’ex consigliera Ornella Porcedda, componente della commissione politiche sociali, attività produttive e dell’ufficio di presidenza,

“si è fortemente voluto e organizzato questo evento, perché è importante capire meglio cosa sia la fibromialgia e come possiamo aiutare chi ne soffre” spiega Porcedda.

Son state coinvolte diverse figure esperte per parlare insieme delle cure e rimedi per questa patologia che, per la sua complessità, necessita di un approccio multidisciplinare per i sintomi che manifesta. “Ognuno di loro porta con sé un bagaglio di conoscenze e esperienze preziose che ci aiuteranno a comprendere meglio questa sindrome e a individuare strategie efficaci di trattamento e gestione.

Saranno presenti la Dottoressa Valeria Mainas, psicoterapeuta che farà luce sull’importanza del sostegno emotivo e psicologico, che è fondamentale per chi affronta la fibromialgia.

La Dottoressa Anna Zedda, reumatologa, figura medica indispensabile nella gestione del malato fibromialgico, fin dal primo approccio alle problematiche dolorose del paziente.

Il Dottor Roberto Diana, biologo nutrizionista con cui affronteremo il tema dell’importanza del ruolo che gioca l’alimentazione e la dieta specifica nel trattamento della patologia e le referenti del Comitato Fibromialgici Uniti per Cagliari Patrizia Sarritzu e per Oristano Maria Elisabetta Zoccheddu, figure fondamentali che offrono supporto e orientamento ai pazienti lungo il difficile percorso della diagnosi e del trattamento. Ognuno di loro ha esperienza e conoscenze preziose che ci aiuteranno a capire meglio questa malattia e come possiamo affrontarla”. Una sinergia di forze, quindi, “insieme possiamo fare la differenza per chi combatte contro la fibromialgia”.


In questo articolo: